Venturi: “Adesso parlo io.. Tosi ascoltò Giacino e non mi candidò”

Venturi: “Adesso parlo io.. Tosi ascoltò Giacino e non mi candidò”

Il nostro leader Fabio Venturi è intervenuto a VR2022 Domande – Risposte condotto dal giornalista Alessandro Gonzato per parlare della presenza dei Cocai alle prossime elezioni amministrative di Verona.

Il mio post su Facebook?

“Arriva dopo un articolo che non ha ne capo ne coda, che ho scelto su pubblicare io visto che non ho nulla ma nascondere ne nulla da temere, era meglio mettere subito le cose in chiaro.

È seguita trasversalmente solidarietà da molti politici, imprenditori e cittadini con un commento, un messaggio o anche solo un mi piace, ma nessuno degli ex amici ha speso una parola, e questo mi fa riflettere e dedurre molte cose.

Davanti a queste cose dovremmo essere tutti uniti, senza distinzione di colori, di amicizie di partiti politici o movimenti.

Il passato? Un errore candidare Patrizia Bisinella e non un Veronese. Erano molti i nomi spendibili e più adatti, invece Tosi ha scelto questa strada ed è stata grande la mia delusione soprattutto perché sapevo che avremmo perso.

Chi c’era dietro alla mia non candidatura? A distanza di quasi quattro anni credo che il mio nome non fosse gradito a quel mondo riconducibile all’ex vicesindaco Giacino. Legittimamente lui ha continuato a fare politica da dietro le quinte e suppongo che il mio nome non fosse gradito. È stato un errore pensare di poter vincere con un qualsiasi nome riconducibile a Tosi.

Il futuro? Abbiamo deciso di continuare il lavoro con Generazione Verona, di creare una civica che corra alle prossime amministrative. Da qui in poi si vedrà, manca più di un anno e c’è il tempo per fare tutte le valutazioni”

No Comments

Post A Comment